06 897 60 119 - 327 16 21 045

FONDOPROFESSIONI: fino a 20.000 euro per la formazione con l’avviso 03/22

  • Nadia Puflea
  • Bandi Aperti
  • Nessun commento

Hai uno studio professionale o un impresa con almeno 4 dipendenti e vuoi investire da subito nella loro formazione senza spendere un centesimo?

Contattaci subito, è questo il finanziamento giusto per te! 

Il secondo sportello dell’Avviso 03/22 mette a disposizione delle aziende aderenti al Fondo ben 1.250.000,00 euro, per piani formativi monoziendali, da presentare tra lunedì 05/09/2022 e venerdì 23/09/2022 (ore 17). La graduatoria è prevista per venerdì 28/10/2022. 

L’obiettivo dell’Avviso è finanziare piani formativi progettati ad hoc, in seguito a specifica analisi dei bisogni, coerentemente con gli ambiti di intervento individuati, tra i seguenti:

  • Innovazione tecnologica, organizzativa, di servizio e di processo;
  • Salvaguardia ambientale;
  • Sviluppo dell’internazionalizzazione;
  • Marketing; 
  • Responsabilità sociale d’impresa/di genere. 

Ogni singolo corso prevede una durata da 8 h a 40 h, con almeno 4 e non oltre 20 allievi in formazione. 

Il contributo per ogni singolo piano formativo sarà al massimo di Euro 20.000,00 (comprensivi di IVA e di ogni altro onere/imposta, se dovuti). E’ previsto un anticipo fino al 90% con la presentazione della fidejussione assicurativa, spesa interamente rendicontabile. Non ci rimetterai un centesimo di tasca tua.

I piani formativi sono rivolti unicamente agli Studi professionali/Aziende in regola con l’adesione e il versamento a Fondoprofessioni, che abbiano provveduto all’iscrizione prima della presentazione del piano formativo. L’adesione è verificabile mediante il “Cassetto previdenziale”, reperibile tramite il portale Inps, all’interno del “Fascicolo elettronico”, sezione “Dati complementari”.

I destinatari dei piani formativi ammissibili sono i dipendenti con contratto a tempo determinato/indeterminato o di apprendistato, per i quali gli Studi professionali/Aziende sono tenuti a versare il contributo di cui all’art. 12 della legge n. 160/1975, così come modificato dall’art. 25 della legge quadro n. 845/1978 e s.m.i.. 

E’ possibile coinvolgere nelle attività formative, come “uditori” dello Studio professionale/Azienda in formazione, i datori di lavoro, i collaboratori coordinati e in regime di partita Iva.